Fustellati piatti per alleviare lo stress di induzione

Riduzione dello stress a induzione è applicato a leghe sia ferrose che non ferrose ed è destinato a rimuovere le tensioni residue interne generate da processi di produzione precedenti come la lavorazione a macchina, la laminazione a freddo e la saldatura. Senza di esso, la lavorazione successiva può dare luogo a una distorsione inaccettabile e / o il materiale può soffrire di problemi di servizio come la rottura per corrosione da tensocorrosione. Il trattamento non è destinato a produrre cambiamenti significativi nelle strutture dei materiali o nelle proprietà meccaniche, ed è quindi normalmente limitato a temperature relativamente basse.

Gli acciai al carbonio e gli acciai legati possono ricevere due forme di distensione:

1. Il trattamento a una temperatura tipica di 150-200 ° C allevia le sollecitazioni di picco dopo l'indurimento senza ridurre significativamente la durezza (ad es. Componenti cementati, cuscinetti, ecc.)

2. Il trattamento a una temperatura tipica di 600-680 ° C (ad es. Dopo la saldatura, la lavorazione meccanica, ecc.) Fornisce un alleggerimento pressoché completo.

Obiettivo

Allevia le sollecitazioni di pezzi grezzi piatti di acciaio al carbonio a una velocità di 30 piedi / 9.1 metri al minuto per ridurre la durezza dall'esterno 2 "/ 51 mm su ciascun lato per eliminare problemi di fessurazione con il prodotto finale
Materiale: grezzi piatti in acciaio al carbonio (5.7-10.2 "/ 145-259 mm di larghezza e 0.07-0.1" / 1.8-2.5 mm di spessore)
Temperatura: 1200 ºF (649 ºC)
Frequenza: 30 kHz
Apparecchiature di riscaldamento a induzione: sistema di riscaldamento a induzione HLQ 200kW 10-30 kHz dotato di una stazione di riscaldamento remota contenente otto condensatori da 10 μF
- Una bobina di riscaldamento a induzione divisa a più giri progettata e sviluppata appositamente per questa applicazione
Processo I semilavorati piatti in acciaio al carbonio passeranno attraverso una bobina di induzione a una velocità di 30 piedi / 9.1 metri al minuto per temperare o alleviare lo stress dell'acciaio al carbonio. Durante questo processo, l'acciaio al carbonio si riscalderà a 1200 ºF (649 ºC). Questo sarà sufficiente per rimuovere l'incrudimento da 2 ”/ 51 mm di ogni lato della larghezza.

Risultati / Vantaggi

Velocità: l'induzione riscalda rapidamente l'acciaio al carbonio alla temperatura, che consente una velocità di 30 piedi al minuto
-Efficienza: Riscaldamento a induzione non solo consente di risparmiare tempo di produzione, ma anche di risparmiare sui costi energetici
–Impronta del piede: l'induzione occupa un'impronta modesta, quindi può essere facilmente implementata nei processi di produzione come
questo

Il trattamento a una temperatura tipica di 150-200 ° C allevia le sollecitazioni di picco dopo l'indurimento senza ridurre significativamente la durezza (ad es. Componenti cementati, cuscinetti, ecc.):

–Il trattamento a una temperatura tipica di 600-680 ° C (ad es. Dopo la saldatura, la lavorazione meccanica, ecc.) Fornisce una riduzione delle sollecitazioni pressoché completa.

–Le leghe non ferrose sono sottoposte a distensione a un'ampia varietà di temperature correlate al tipo e alle condizioni della lega. Le leghe che sono state indurite per invecchiamento sono limitate a temperature di distensione al di sotto della temperatura di invecchiamento.

Gli acciai inossidabili austenitici sono sottoposti a distensione sotto 480 ° C o superiore a 900 ° C, temperature intermedie che riducono la resistenza alla corrosione nei gradi che non sono stabilizzati oa basso tenore di carbonio. I trattamenti sopra i 900 ° C sono spesso ricotture di soluzione completa.

Normalizzazione Applicata ad alcuni, ma non a tutti, gli acciai tecnici, la normalizzazione può ammorbidire, indurire o alleviare lo stress di un materiale, a seconda del suo stato iniziale. L'obiettivo del trattamento è contrastare gli effetti dei processi precedenti, come fusione, forgiatura o laminazione, affinando la struttura non uniforme esistente in una che migliori la lavorabilità / formabilità o, in determinate forme di prodotto, soddisfi i requisiti delle proprietà meccaniche finali.

Uno scopo primario è quello di condizionare un acciaio in modo che, dopo la successiva sagomatura, un componente risponda in modo soddisfacente a un'operazione di tempra (ad esempio favorendo la stabilità dimensionale). La normalizzazione consiste nel riscaldare un acciaio adatto ad una temperatura tipicamente nell'intervallo 830-950 ° C (alla o sopra la temperatura di tempra degli acciai da tempra, o al di sopra della temperatura di cementazione per gli acciai da cementazione) e quindi raffreddare in aria. Il riscaldamento viene solitamente effettuato in aria, quindi è necessaria una successiva lavorazione o finitura superficiale per rimuovere le incrostazioni o gli strati decarburati.

Gli acciai da tempra in aria (ad esempio alcuni acciai per ingranaggi automobilistici) sono spesso "temperati" (ricotti subcriticamente) dopo la normalizzazione per ammorbidire la struttura e / o promuovere la lavorabilità. Anche molte specifiche dei velivoli richiedono questa combinazione di trattamenti. Gli acciai che di solito non sono normalizzati sono quelli che indurirebbero in modo significativo durante il raffreddamento ad aria (ad esempio molti acciai per utensili), o quelli che non ottengono alcun vantaggio strutturale o producono strutture o proprietà meccaniche inadeguate (ad esempio gli acciai inossidabili).